Dermabase.it
Melanome
Melanome 2018
OncoDermatologia

Efficacia di Apremilast nel trattamento della psoriasi da moderata a grave


Apremilast ( Otezla ), una piccola molecola inibitrice della fosfodiesterasi 4 ( PDE-4 ), esercita un’azione intracellulare di modulazione della produzione di mediatori proinfiammatori e antinfiammatori.
Dosaggi da 20 mg due volte al giorno hanno dimostrato l’efficacia nel trattamento della psoriasi a placche da moderata a grave in uno studio di fase 2 della durata di 12 settimane.
I ricercatori hanno valutato l'efficacia clinica e la sicurezza di diverse dosi di Apremilast nel trattamento dei pazienti con psoriasi a placche moderata-grave.

In questo studio di dose-ranging, di fase 2b, multicentrico, randomizzato e controllato con placebo, i pazienti ( di età uguale o superiore a 18 anni ) con psoriasi da moderata a grave sono stati assegnati in modo casuale ( in un rapporto 1: 1: 1: 1 ) di ricevere placebo per via orale oppure Apremilast 10, 20, o 30 mg due volte al giorno a 35 siti negli Stati Uniti e in Canada durante il periodo 2008-2009.

Alla settimana 16, i pazienti nel gruppo placebo sono stati assegnati ad Apremilast 20 o 30 mg due volte al giorno fino alla settimana 24.
Per le prime 16 settimane, l'assegnazione del trattamento era in cieco sia per i ricercatori sia per i pazienti.
Durante le settimane 16-24, sia i ricercatori sia i pazienti erano al corrente che il trattamento era attivo, ma la dose era in cieco.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti che hanno ottenuto la riduzione di almeno il 75%, rispetto al basale, dell’indice PASI ( Psoriasis Area and Severity Index; PASI-75 ) alla settimana 16.

Le analisi sono state intention-to-treat.

89 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ad Apremilast 10 mg, 87 ad Apremilast 20 mg, e 88 ad Apremilast 30 mg due volte al giorno; 88 sono stati assegnati al placebo.

Alla settimana 16, PASI-75 è stato ottenuto in 5 pazienti ( 6% ) assegnati a placebo, 10 ( 11% ) assegnati ad Apremilast 10 mg, 25 ( 29% ) assegnati a 20 mg, e 36 ( 41% ) assegnati a 30 mg.

Apremilast 10 mg non è risultato differente in modo significativo, rispetto al placebo, nel raggiungimento dell'endpoint ( odds ratio, OR=2.10 ), sia per Apremilast 20 mg ( OR=6.69; p inferiore a 0.0001 ) sia per Apremilast 30 mg ( OR=11.5; p inferiore a 0.0001 ); le differenze rispetto al placebo sono state significative.

La maggior parte degli eventi avversi ( 96% ) erano di grado lieve-moderato; almeno il 5% dei pazienti ha presentato nausea, infezioni del tratto respiratorio superiore, diarrea, rinofaringite, cefalea, artralgia ( placebo ), gastroenterite, o dispepsia.
Si sono verificati 8 eventi avversi gravi ( tre ciascuno, placebo e Apremilast 20 mg ; due, Apremilast 30 mg ); nessuno è stato giudicato essere correlato ad Apremilast.

Apremilast non ha avuto effetti evidenti sui risultati degli esami ematologici, immunologici o dello stato infiammatorio, analisi chimiche del sangue, analisi delle urine, o test elettrocardiografici.

In conclusione, Apremilast, somministrato per via orale a 20 o 30 mg due volte al giorno, sembra essere efficace, sicuro e tollerabile per i pazienti affetti da psoriasi a placche moderata-grave. ( Xagena2012 )

Papp K et al, Lancet 2012; 380: 738-746

Dermo2012 Farma2012


Indietro